DONATORI DI CELLULE STAMINALI DA CORDONE OMBELICALE

Donare il sangue del cordone dopo il parto. Perché no?
In fondo è sangue prezioso che viene normalmente eliminato con la placenta, dopo il parto.

Cosa contiene di così prezioso?
Contiene le cellule ematopoietiche che maturando si trasformano nelle cellule del sangue (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine).

A cosa servono?
A curare le malattie del sangue quali leucemie e linfomi.

Come?
Sostituendo nel paziente le sue cellule del midollo osseo malate con quelle sane del donatore, tramite un trapianto e a condizione che siano compatibili (non devono causare una reazione di rigetto nel paziente).

La donazione comporta dei rischi per il bambino o la madre?
Assolutamente no! Il sangue viene prelevato dal cordone ombelicale dopo lo stacco del bambino e non comporta nessun rischio.

Comporta dei costi?
No, nessun costo. Solo la disponibilità.

Cosa devo fare per donarlo?
Almeno un mese prima del parto, basta annunciarsi per mail o per telefono al Servizio trasfusionale CRS SI di Lugano (091 960.26.00 cordone@donatori.ch) oppure direttamente al proprio ginecologo.

A questo punto cosa succede?
Riceverà direttamente a casa un foglio informativo con tutte le spiegazioni, un modulo di annuncio donazione e un questionario medico. Le chiederemo di compilare tali documenti, firmarli e ritornarceli per posta al ST CRS SI di Lugano.

Appena il questionario medico è a nostra disposizione sarà valutato dai medici e se tutto è conforme, ci occuperemo di annunciare al personale della sala parto la sua adesione alla donazione. I kit di raccolta sono già a disposizione delle sale parto. Dunque lei non dovrà più pensare a nulla.

Durante il parto, dopo la nascita del bambino, il sangue cordonale sarà raccolto in una sacca apposita mediante un prelievo da uno dei vasi sanguigni del cordone.

La sacca con il sangue raccolto ci verrà invita e procederemo al conteggio cellulare. Se il quantitativo di cellule raccolte raggiungerà un valore sufficiente (purtroppo non sempre questo avviene), invieremo il sangue al laboratorio dell’università di Basilea per il deposito nella banca pubblica Svizzera.

A Basilea le cellule staminali saranno trattate e preparate per il congelamento in azoto liquido, dove saranno conservate per numerosi anni.

Da questo momento la donazione è registrata e a disposizione di un ipotetico paziente da qualche parte nel monde, che se avesse bisogno proprio delle vostre cellule, le potrà ricevere e forse con un semplice atto di generosità avrete salvato una vita!

Per ulteriori approfondimenti: clicca qui!